Osteoporosi: previenila così! (Un articolo del naturopata Luca Avoledo)…

 

Molte persone credono che si possa controllare solo con i farmaci. Invece, ecco che cosa puoi fare in modo naturale per rinforzare le ossa…

Lavora silenziosamente per anni. Ci accorgiamo di lei solo sottoponendoci a esami specifici (come la MOC) o quando purtroppo incorriamo in una frattura (soprattutto dell’anca e delle vertebre), perché le ossa sono diventate troppo fragili.

  • È l’osteoporosi, un processo in parte fisiologico legato all’invecchiamento, che nella donna si fa più accentuato dopo la menopausa, per il naturale calo degli ormoni estrogeni, che hanno un’azione importante nel mantenere la massa ossea.

Il medico potrà proporre i bifosfonati, farmaci efficaci ma non privi di effetti collaterali anche pesanti. Noi, intanto, facciamo tutto ciò che è in nostro potere per contrastare il processo di perdita di tessuto osseo.

I nutrienti

  • Di primo acchito, si pensa sempre al calcio, ma le ossa hanno bisogno di uno spettro ben più ampio di sostanze, che quando la dieta non riesce a fornire vanno necessariamente integrate: vitamina D, magnesio, vitamina K2, vitamina C, boro, silicio e altre ancora. In commercio esistono ottimi prodotti che contengono una sinergia di questi preziosi micronutrienti: fatti consigliare dal farmacista o da un esperto.

I veleni

  • Sono almeno cinque gli agenti nocivi per lo scheletro che devi eliminare o, comunque, moderare se vuoi ridurre la perdita di tessuto osseo e il rischio di fratture.

I loro nomi? Fumo, alcol, sale, caffè e determinati farmaci, come innanzitutto i cortisonici. Ma anche certi antidepressivi e persino i comuni medicinali antireflusso.

La ginnastica

  • Quanto più sei sedentaria, tanto più stai rendendo la vita facile all’osteoporosi (e anche alla perdita di massa muscolare, che frequentemente l’accompagna). Puoi migliorare la densità ossea con attività come la corsa e la camminata veloce, abbinate al sollevamento di piccoli pesi. Svolgile abitualmente e il tuo scheletro ti ringrazierà.

E anche il latte!

  • Da qualche anno, soprattutto su Internet, girano tante sciocchezze sul fatto che i prodotti lattiero-caseari sarebbero nocivi. Invece, sono le migliori fonti di calcio. Trovi calcio anche in sardine (da consumare complete di lische, però), vegetali a foglia verde e tofu. il “formaggio” di soia.

 

Fonte: un articolo del dottor Luca Avoledo, nutrizionista e naturopata. Il suo sito è: www.lucaavoledo.it




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *