Test del respiro per scoprire l’intolleranza al lattosio…

Test del respiro per scoprire l’intolleranza al lattosio…

L’intolleranza al lattosio è l’incapacità di digerire lo zucchero del latte e di scomporlo nei due zuccheri semplici assimilabili dall’organismo, il glucosio e il galattosio. Il motivo è la carenza della lattasi, l’enzima preposto alla digestione del lattosio, che può mancare fin dalla nascita oppure può diminuire durante l’età adulta, anche in seguito a patologie.

L’intolleranza non va confusa con l’allergia alle sieroproteine contenute nel latte (come caseina o alfa e beta-lattoglobulina), una malattia del sistema immunitario scritta nel codice genetico, che si manifesta cioè in soggetti predisposti, spesso affetti da altre allergie alimentari o respiratorie, oppure da dermatite atopica.

SINTOMI

  • Più o meno intensi a seconda del grado di intolleranza al lattosio e a quanto se ne è assunto, sono nausea, mal di pancia e di testa, gonfiore addominale, diarrea, vomito, stanchezza.

DIAGNOSI

  • Per valutare l’intolleranza al lattosio si ricorre al test del respiro o breath test. Questo esame misura la quantità di idrogeno prodotto nell’intestino nel caso di malassorbimento del lattosio. Il funzionamento è semplice ma il procedimento è lungo: dopo aver bevuto una soluzione al lattosio, il paziente soffia in un palloncino per circa sei o sette volte a distanza di mezz’ora ciascuna.

Sono in corso studi scientifici volti a valutare l’efficacia dei nuovi test genetici, già oggi in commercio, che
potrebbero essere in grado di individuare nel Dna di ciascuno la predisposizione genetica all’intolleranza al lattosio. Dopo aver acquistato il kit apposito in farmacia, il test si esegue a casa, attraverso un prelievo di saliva che dovrà poi essere spedito a un laboratorio di analisi.

ALIMENTAZIONE

In caso di intolleranza al lattosio vanno evitati latte vaccino, formaggi freschi, panna e, nei casi più gravi, burro, mentre sono consentiti latte senza lattosio, latti vegetali, yogurt e formaggi stagionati. Assumere integratori di lattasi, può diminuire l’entità dei sintomi.

 

Fonte: un articolo della dottoressa Donatella Macchia, responsabile del servizio aziendale allergie e intolleranze alimentari alla USL Toscana Centro – tratto da Ok Salute e Benessere, ottobre 2017
Fonte immagine: https://www.buonalavita.it/buono-sapersi/intolleranza-al-lattosio

 

Latte senza lattosio Delattosato U.H.T. alta digeribilità 6 L
€12,18
Acquistalo ora da questo link

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *