Microbiota intestinale: la professoressa Chiara Gamberi (Università Concordia – Canada) ha guidato un team di 94 studenti universitari in una ricerca sulla salute dell’intestino!

Microbiota intestinale: la professoressa Chiara Gamberi (Università Concordia – Canada) ha guidato un team di 94 studenti universitari in una ricerca sulla salute dell’intestino!

 

Un professore associato di biologia presso la Facoltà di Lettere e Scienze, Gamberi sta aprendo la strada a un approccio pratico di prossima generazione all’apprendimento in classe che offre agli studenti universitari le competenze di cui avranno bisogno come professionisti nel loro campo.

Il suo ultimo studio sull’argomento delle reti metaboliche del microbiota intestinale e della salute umana è co-autore di 94 studenti universitari, offrendo una rara opportunità per i giovani studiosi all’inizio della loro carriera di essere pubblicati sulla rivista Microbiology, rivista peer-reviewed.



“Uno scambio costante”

L’articolo esamina le relazioni reciproche tra l’ospite e il microbiota.

“È uno scambio costante”, spiega Gamberi.

L’intestino umano ha, in media, una superficie da 30 a 40 metri quadrati. Tutti gli individui possiedono un microbiota intestinale, che potrebbe rimanere relativamente stabile nel tempo. Ma potrebbe cambiare a causa di cambiamenti nella dieta, posizione geografica, stile di vita e dei farmaci che le persone prendono, tra gli altri fattori.

Il team ha esaminato come il microbiota intestinale può contribuire a una serie di problemi medici, tra cui obesità, diabete e aterosclerosi – e come possono essere eventualmente utilizzati per migliorare la salute.

“Il microbiota dell’intestino umano è un argomento affascinante, sia biologicamente che scientificamente”, afferma Gamberi.

“Ha ramificazioni complesse nella fisiologia umana. Continuiamo a trovare sempre più collegamenti tra le comunità microbiche – i consorzi batterici – che vivono nel nostro intestino e la fisiologia umana. È scientificamente interessante perché espande le nostre opinioni sulla biologia umana e sulla salute umana a nuovi livelli “.

 



Un progetto di insegnamento in corso

Questa non è la prima volta che Gamberi usa l’apprendimento in classe come strada per la pubblicazione dei suoi studenti universitari.

Nel 2015, ha aperto la strada a questo nuovo modello pedagogico, che ha consentito a 106 studenti del terzo anno di scrivere un articolo di rivista scientifica, “Human Gut Microbiota: Toward an Ecology of Disease“, pubblicato sulla rivista Frontiers in Microbiology nel 2017.

Questo è un nuovo approccio che ho progettato per coinvolgere attivamente gli studenti nella ricerca e nel processo scientifico“, afferma Gamberi.

“Dobbiamo investire nell’educazione delle nuove generazioni per far progredire i progressi. Ciò li doterà di pensiero critico, eccellenti capacità comunicative e capacità di trovare e comprendere i risultati della ricerca primaria. ”

Aggiunge che in un’era in cui la validità delle informazioni è spesso compromessa e le notizie sono gonfiate al di là del loro valore reale, l’indipendenza intellettuale e la capacità di ricerca sono più importanti che mai.

 


 

Ottenere una grande squadra sulla stessa pagina

Pur ammettendo che inizialmente era spaventata dalle dimensioni della sua classe, in media 100 studenti, Gamberi ha trovato forza nei numeri. Divide la grande classe in gruppi di quattro o cinque studenti e assegna un articolo a ciascuno.

Ogni studente del corso ha imparato come eseguire una ricerca guidata iniziale della letteratura pubblicata“, afferma Gamberi.

Successivamente, gli studenti hanno imparato a comporre un contributo scritto come gruppo. Al termine del corso, tre studenti si sono offerti volontari per assemblare e modificare l’articolo sotto la guida e la supervisione dirette di Gamberi.

Tarin Sultana è uno dei redattori dello studio. “Questa iniziativa è andata avanti come un approccio pedagogico che ha dimostrato il valore del lavoro di squadra, della collaborazione e della scrupolosa revisione dei lavori di ricerca originali”, afferma.

“Questa impresa ha segnato una pietra miliare in molte carriere scientifiche di prossima generazione.”

Susannah Selber, collega co-editrice e prima autrice dell’articolo, aggiunge che le opportunità di scrivere articoli scientifici a livello universitario sono scarse.

“Questo progetto di scrittura è stato il mio secondo grande sforzo con il Dr. Gamberi (Selber ha partecipato al primo articolo co-pubblicato di Gamberi).

“Molti incarichi riguardano la scrittura, ma pochi richiedono gli strumenti e le competenze necessari per le opere pubblicate. L’approccio del Dr. Gamberi aggiunge un grande valore alle altre abilità regolari che gli studenti ottengono dalla loro istruzione universitaria.

“Dr. Gamberi ha apportato un significato completamente nuovo all’esperienza in classe, in cui un semplice compito può portare a un contributo concreto alla comunità scientifica “, afferma il terzo co-editore W, aggiungendo la speranza che il progetto ispiri gli altri.

Questo approccio di prossima generazione consente agli studenti coinvolti in un corso di creare qualcosa che possa essere ricordato.”

 


 

Gamberi attribuisce inoltre al team della Biblioteca Georges P. Vanier una risorsa inestimabile nell’aiutare gli studenti a navigare nel mondo dell’editoria accademica ed evitare i pericoli del plagio.

“Katharine Hall è stata una risorsa straordinaria”, afferma. Hall è bibliotecario di biologia e salute, kinesiologia e fisiologia applicata. I due membri della facoltà hanno scritto un articolo sull’argomento.

“Le sono estremamente grato per tutto ciò che ha fatto per supportare i miei studenti e la sua collaborazione in questa iniziativa educativa”, afferma Gamberi.

Andare avanti

Incoraggiata da due iterazioni di successo del suo modello, Gamberi è pronta a procedere con un terzo, questo incentrato sul ruolo degli ormoni nella regolazione della funzione renale.

“Ora sappiamo che il modello funziona. Non ho intenzione di smettere “, dice.

“Adoro lavorare a stretto contatto con gli studenti, incoraggiare la loro curiosità e vedere quanto apre menti e porte per promuovere il loro amore per l’apprendimento e la scienza.”

 

Fonte: Concordia University Montreal (Canada) – Trovi l’articolo originale a questo link
Fonte immagine: concordia.ca/news/stories/2020/02/04/concordia-researcher-leads-a-team-of-94-undergrads-to-explore-gut-health.html?c=/research

 

 

_____________________________________________

Problemi di acidità di stomaco, ulcera, gastrite, colesterolo alto, acne, forfora, reumatismi, artrite, polipi uterini ed intestinali?

L’Aloe Arborescens in succo puro dell’Associazione Aloe Superiore è un valido rimedio naturale, favorisce la digestione dei cibi e rinforza il sistema immunitario. Inoltre, è molto valido nel contrastare gli effetti collaterali dei farmaci sull’apparato digerente.

L’Aloe Arborescens è in grado di eliminare dal corpo le tossine giacenti nei tessuti, stimolando il metabolismo e l’equilibrio delle cellule umane. Maggiori info a questo link

_____________________________________________

 

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us