Come non ammalarsi nei giorni di festa? L’alimentazione è fondamentale!

Come non ammalarsi nei giorni di festa? L’alimentazione è fondamentale!

Quando siamo in vacanza ci ammaliamo di più. Da cosa dipende?

«Una volta lontani dai nostri impegni lavorativi ci lasciamo andare a cibi più elaborati, più calorici, ricchi di sale e, tendenzialmente, di proteine animali, grassi saturi e farine bianche, ovvero cibi pro-infiammatori. Questo determina due cose: in primis sovralimentandoci mettiamo a tacere l’ormone della sazietà: innalziamo la concentrazione di insulina innescando la fame glicemica che ci induce a mangiare sempre di più e spesso cibi zuccherini. In secondo luogo inneschiamo un processo infiammatorio che abbassa le difese del nostro sistema immunitario, rendendoci più vulnerabili».

Quali sono gli errori più comuni di noi italiani a tavola quando mettiamo le pantofole?

«Il più comune è alimentarsi e non nutrirsi, ovvero scegliere gli alimenti a tavola casualmente, senza pensare che effetto potranno avere sul nostro organismo e, soprattutto, ignorando quali sarebbero invece quelli indispensabili per il corretto funzionamento del nostro corpo».Idratarsi la parola d’ordine: acqua o tisane? E la moda di limone e miele nell’acqua calda da bere al mattino; una leggenda o aiuta veramente?

«L‘acqua è fondamentale per il nostro organismo, ma nessuno beve a sufficienza. Lo stimolo della sete non sempre è presente e il freddo non aiuta. Questo comporta che il corpo non riesce a lavorare al 100 per cento e alcune sue funzioni risultano rallentate, come quella di gestiva o di smaltimento delle scorie e tossine. Va bene anche la tisana, ma senza dolcificante ovviamente, così come va bene anche acqua e limone, senza miele, soprattutto se presa prima di andare a letto».

Esistono alimenti-alleati contro i malanni legati a freddo e abbassamento di temperatura?

«Tutti gli alimenti ricchi di vitamina C, ma anche quelli con molti antiossidanti e altre vitamine. Quindi via libera a tutti i colori della frutta e della verdura, ricordando che la cottura di queste ultime dovrebbe essere rapida per non distruggere le vitamine del gruppo B e la vitamina C che sono termolabili».

In caso di abbuffata serale, meglio una tisana calda, il bicarbonato, un digestivo o… niente?«L’importante è non eccedere nel numero di abbuffate; utilizzare verdure ricche di potassio aiuta a smaltire il sodio in eccesso contenuto nei cibi ipercalorici natalizi».

Qualche consiglio da nutrizionista per un menù delle feste sano ma gustoso, considerando anche la possibilità di bere un bicchierino?

«Un paio di serate senza eccessivi freni durante le feste natalizie possono essere facilmente smaltite senza particolari problemi per la salute. Maggiore attenzione dovrebbe comunque averla chi soffre di ipertensione, ipercolesterolemia, diabete: la scelta del cibo e la quantità di questo stesso, possono avere un impatto negativo immediato, rallentando l’azione farmacologica dei medicinali assunti. Per una cena leggera drenante e iposodica consiglierei un mix di verdure sia crude sia cotte, sempre condite con un filo di olio extravergine, altrimenti le vitamine, soprattutto le liposolubili ovvero la vitamina A, E, D e K, rimarranno tutte nel piatto».

Ali-mental strategy. Nutri la mente e raggiungi l’eccellenza
Acquistalo ora da questo link

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us