Alla scoperta del “trucco-goth”!

Lily Collins

In gergo lo chiamano “trucco-goth“: l’incarnato è pallido e si realizza con fondotinta di due gradazioni più chiare rispetto al colore della propria carnagione.

Chi ha la pelle piuttosto scura dovrebbe fissare la crema colorata con una cipria bianca. Questo trucco renderà il viso etereo, evitando però l’effetto maschera bianca.

Come primer il consiglio è quello di utilizzare un prodotto che contenga un filtro solare, capace di proteggere la pelle e prepararla a ricevere il fondotinta. Così il make-up è più resistente; la protezione, inoltre, contribuisce a impallidire ulteriormente il viso, cancellando i residui dell’abbronzatura.

Le appassionate dello stile gotico dovrebbero evitare il blush per mantenere la carnagione candida. Prodotti indispensabili por gli occhi sono il mascara nero, il rossetto scuro, l’ombretto sempre scuro o nero. Mai dimenticare l’eyeliner sugli occhi.


Variazioni sul tema

Molte disegnano la riga degli occhi con la matita nera, perché più facile da correggere in caso di imperfezioni. Le case cosmetiche alleate di questo stile hanno lanciato nuove matite scurissime, ma waterproof e anti-sbavatura per chi ha gli occhi che tendono a lacrimare.

  • Anche il rossetto deve essere scuro. Tante le declinazioni opache: dal nero al blu cobalto, dal marrone al rosso-bordeaux.

Due note in più

Continua a furoreggiare il metallizzato scuro e l’applicazione di ombretti e rossetti deve essere “scomposta”.

 

Fonte: estratto da un servizio di Maria Angela Masino su Più Sani Più Belli, novembre 2017 – con la consulenza di Stefano Bongarzone, visagista delle dive con salone a Roma




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *