Star bene con le piante: il carciofo!

Parte utilizzata: la foglia
Rimedio per: affezioni epatobiliari, stitichezza, cattiva digestione

La pianta protettrice del fegato

  • L’azione coleretica (che aumenta la secrezione biliare) del carciofo è attribuita a una sostanza amara e aromatica: la cinarina, particolarmente utile nei casi di congestione o di insufficienza epatica, di itterizia, di cattiva digestione dei grassi e di stitichezza.
  • Ma la foglia di carciofo contiene anche steroli, magnesio, potassio… composti che agiscono in sinergia con la cinarina.
  • Per trarre beneficio dalla totalità degli effetti della pianta, è perciò utile utilizzarne la polvere totale della pianta frantumata.
  • Sembra che il carciofo stimoli la rigenerazione delle cellule del fegato quando sono esposte a diverse tossine.Se questo effetto fosse confermato da studi clinici controllati, la pianta potrebbe essere utilizzata come epatoprotettore per gli ammalati di cirrosi.

 Fonte: L’ABC delle piante, una guida edita da Romart

La redazione di Bellezza & Benessere consiglia: Succo di Carciofo. Integratore alimentare con 100% di puro succo di pianta fresca

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us