Ascoltare musica riduce la fatica, ma attenzione alla dipendenza!

Ascoltare musica durante l’attività fisica agisce su un’area cerebrale ben precisa che riduce la sensazione di fatica.

Ad accertarlo sono stati i ricercatori della Brunel University di Londra in uno studio pubblicato sull’International Journal of Psychophysiology: più è risultata attiva la circonvoluzione frontale inferiore sinistra del cervello – un centro sensoriale che elabora le informazioni da fonti esterne (come i muscoli) e interne – e meno i 19 adulti monitorati hanno provato stanchezza.

  • Una scoperta che, a detta degli stessi scienziati, apre il campo anche alla sperimentazione di altre forme di stimolazione, per esempio quelle elettriche, che potrebbero essere ugualmente usate per facilitare l’esecuzione di esercizi a intensità medio-alta da parte di persone a rischio, come diabetici od obesi.

Esiste, però, una controindicazione: la dipendenza. «Se continuiamo a promuovere, anche quando non è strettamente necessario, l’uso della stimolazione uditiva e visiva», spiega Marcelo Bigliassi, autore principale dello studio, «la prossima generazione potrebbe non essere più in grado di tollerare l’affaticamento dell’esercizio fisico in assenza di musica».

 

Fonte: Ok Salute e Benessere, ottobre 2018




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *