La margarina fa peggio del burro?

 

Burro, latte, formaggi, lardo, pancetta e altri grassi animali – se assunti con moderazione – non sarebbero da incolpare più di tanto sul fronte delle patologie cardiovascolari contrariamente a ciò che si crede.

  • A evidenziarlo sono i risultati di una ricerca canadese pubblicata sul British Medical Journal. Lo studio ha incrociato i risultati di ben cinquanta ricerche osservazionali, assolvendo gli acidi grassi saturi dall’accusa di essere associati a un rischio maggiore di morte o a ictus, diabete di tipo 2 e malattie cardiache.

Dalla ricerca è invece emersa una sentenza ci colpevolezza verso i cosiddetti acidi grassi trans, ossia gli acidi grassi insaturi ma “idrogenati” o induriti, come ad esempio la margarina, contenuta in molti prodotti industriali.

Questa tipologia di grassi, che include anche prodotti dalla frittura con oli scaldati oltre il punto di fumo o che hanno subito una trasformazione batterica durante la masticazione di ruminanti, risultano associati a un aumento del 34% di morte per qualsiasi causa, del 28% di morte per malattia coronarica e del 21% per patologie cardiovascolari.

Fonte: Dimensione Benessere, novembre 2015

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us