I cavoli: un’ottima azione antinfiammatoria…

 

 

trasferimento (3)

Questa dieta predilige differenti varietà di cavoli: cavolfiore, cavolo cappuccio, cavolo verza, cavolo nero, cavolo rosso, cavolo riccio, cavolini di Bruxelles, broccoli e cime di rapa.

Non solo, anche ravanelli, senape e rucola.

Sono ortaggi che fanno parte della famiglia delle crucifere e hanno caratteristiche nutrizionali uniche in natura.

– Cavoli, broccoli e cime di rapa, oltre a essere ideali per una dieta depurativa e mineralizzante, svolgono un’attività antinfiammatoria, ideale in caso di sovrappeso e obesità.

– Unica accortezza: le crucifere vanno evitate se si soffre di problemi alla tiroide.

….e protettiva

I composti isotiocianati contenuti in questi vegetali sono ampiamente accreditati per le loro proprietà antitumorali.

Sono una fonte preziosa di nutrienti come vitamine (C, niacina e riboflavina), sali minerali (zolfo, calcio, iodio, potassio, magnesio), fibre e antiossidanti (polifenoli, carotenoidi, indoli, sulforafano).

– Contengono, poi, estrogeni vegetali (fitoestrogeni) capaci di contrastare lo sviluppo dei tumori legati all’attività degli ormoni dell’organismo.

 

Fonte: Viversani & Belli, 31/10/14

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *