Più magri mangiando lentamente…..

Trangugiare alla velocità della luce un piatto di tagliatelle al ragù, il panino al prosciutto o una fetta di torta al cacao? Sbagliato. Perché la fretta, anche a tavola, è una cattiva consigliera, che rischia di far impennare l’ago della bilancia.

  • La conferma arriva da uno studio pubblicato sul British Medical Journal e condotto dai ricercatori dell’Università di Kyushu, in Giappone, che hanno analizzato, tra il 2008 e il 2013, circa 60mila persone, il cui tempo di masticazione è stato classificato come veloce, normale o lento.

Ebbene, i risultati hanno dimostrato che chi mangiava a un ritmo normale e chi assaporava con lentezza ciascun boccone avevano rispettivamente il 29% e il 42% di probabilità in meno di essere obesi rispetto a chi era solito ingozzarsi.

Tra i consigli degli esperti per un’alimentazione slow, mangiare in compagnia, mai davanti al computer o alla tv, tagliare il cibo a piccoli pezzi, masticare a lungo, bere tra una portata e l’altra.

Ma, secondo la ricerca, spazzolare tutto in men che non si dica non è l’unico comportamento che mette a repentaglio la linea. Anche cenare tardi e consumare snack dopo cena sono abitudini scorrette che contribuiscono ad aumentare fianchi e girovita.

Fonte: OK Salute e Benessere, aprile 2018

La redazione di Bellezza & Benessere consiglia il libro: Cucina slow. 500 ricette della tradizione italiana. Lo trovi a questo link su Amazon




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *