La coscienza ha fame di energia…

Risultati immagini per energia cervello

Per mantenere lo stato cosciente, il cervello ha bisogno di molta energia.

E anzi potrebbe essere proprio questa caratteristica, il fatto cioè che venga consumata così tanta energia, a indicare la presenza di coscienza in un organismo.

  • È quanto sostiene uno studio della Yale University pubblicato sulla versione on line dei «Proceedings of the National Academy of Sciences». Per svelare i segreti della coscienza diversi studi hanno indagato l’attivazione cerebrale di soggetti impegnati in specifici compiti con tecniche di neuroimmagine.

Ma secondo Robert G. Shulman, docente emerito di biofisica molecolare e biochimica alla Yale University e autore dello studio, la risonanza magnetica funzionale è di scarso aiuto in questo tipo di studi: durante le operazioni di memorizzazione o di risoluzione dei problemi le aree cerebrali che risultano attivate sono diverse.

  • In più, la quantità di energia richiesta per lo svolgimento di questi compiti è solo all’uno per cento di quella usata dal cervello.

«Gli studi di neuroimaging hanno guardato alla punta dell’iceberg – ha spiegato il ricercatore – mentre noi abbiamo spostato l’attenzione sul resto dell’iceberg, cercando di capire per che cosa il cervello consuma il restante 99 per cento di energia».

A dimostrazione che la coscienza sia garantita proprio dall’energia consumata dal cervello ci sono i risultati di studi condotti su cavie: il cervello dei ratti anestetizzati consuma il 50 per cento in meno.

 

Fonte: un articolo di Letizia Gabaglio su Mente & Cervello, agosto 2009




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *