Una guida dell’Aifa fa chiarezza sui farmaci equivalenti!

Efficaci e sicuri come quelli di marca, se pure meno costosi (si spende almeno il 20% in meno), i farmaci equivalenti sono ingiustamente guardati con sospetto dai pazienti.

  • Per fugare i dubbi e agevolarne l’impiego l’Aifa, l’Agenzia Italiana del Farmaco, ha redatto la guida Medicinali equivalenti – Qualità, sicurezza ed efficacia (si può scaricare dal portale istituzionale aifa.it).

Rivolta a medici, farmacisti e pazienti, risponde alle domande più frequenti relative a questa categoria di medicinali. Vengono per esempio chiariti sia il processo sia i requisiti necessari per poter autorizzare e mettere in commercio questi prodotti, così come viene sottolineato che l’uso del termine farmaco generico, oltre a essere scorretto, è anche fonte di equivoci, perché spinge a farlo percepire come inferiore rispetto all’originale.

Questa definizione, che persiste nel linguaggio comune, deriva dalla traduzione italiana letterale della definizione «generic medicinal product»: riportata nella Direttiva 2001/83 e ormai del tutto superata dalla Legge 149 del 26 luglio 2005, che la sostituisce con quella appunto di medicinale equivalente.

 

Fonte: Ok Salute e Benessere, febbraio 2016




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *