Tumori nelle donne: il sostegno psicologico. Parla la psicologa Valentina Di Mattei…

Risultati immagini per salute allo specchio onlus

Si chiama Salute allo Specchio il progetto dell’Ospedale San Raffaele di Milano per supportare le donne che, oltre a essere messe a dura prova dalla malattia e dalla terapia, spesso si ammalano di solitudine.

  • «La diagnosi», spiega la psicologa Valentina Di Mattei, fondatrice e vicepresidente di Salute allo Specchio Onlus, «segna una linea di confine tra il prima e il dopo la malattia: è un evento traumatico che interrompe la continuità dell’esistenza». Può causare paura, preoccupazione, disorientamento, rifiuto. «Quindi noi affianchiamo le pazienti affinché comprendano la diagnosi e le aiutiamo a reagire nel modo più funzionale».

L’equipe di psicologi cerca di capire innanzitutto i loro bisogni.

«La domanda che più spesso fin dall’inizio ci viene rivolta è: perderò i capelli? In effetti cambiare aspetto, apparire e vedersi diverse causa molta sofferenza e disorientamento, tanto che molte donne tendono a isolarsi». È importante, invece, sottolinea Di Mattei, non lasciare che la malattia prenda il sopravvento e non identificarsi solo con la parte di sé malata. Per questo lavorano sia sull’aspetto fisico, sia sulle relazioni sociali.

«Perdere i capelli e scegliere la parrucca rappresenta solitamente un momento molto difficile, ma riscontriamo che chi non lo fa da sola, ma è affiancata dal marito, da un’amica o dalla mamma, lo vive con più leggerezza. E noi quindi incoraggiamo a condividere con gli altri questi e altri momenti, a mantenere vive le relazioni di sempre, ma anche a confrontarsi con le altre donne del reparto, riscoprendo virtuosi rituali di gruppo».

  • Da questo punto di vista è importante, secondo la psicologa, che familiari e amici mantengano gli stessi atteggiamenti di sempre e non trasformino il tumore in un tabù, evitando per esempio di parlare del futuro o delle difficoltà quotidiane che la paziente sta affrontando.

«II nostro obiettivo», conclude Di Mattei, «è offrire una rete di sostegno per ritrovare energia e autostima. II tumore così non smette di far paura, ma lo si affronta con maggior fiducia».

 

Fonte: tratto da un servizio di Simona Regina su Ok Salute e Benessere di aprile 2017




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us