Le origini di ReiKi (un guest post di Umberto Carmignani)…

Mikao UsuiSecondo la tradizione fu Mikao Usui, monaco cristiano nato in Giappone nel 1865, che dopo anni di faticose ricerche scoprì il Segreto della Guarigione chiamandolo Reiki, e ne introdusse la pratica in Giappone a partire dal 1922.

Se le coordinate geografiche e temporali sembrano precise e avvalorate da documenti e testimonianze, appare tuttavia difficile, ad una più minuziosa indagine, stabilire con esattezza le modalità con cui Reiki iniziò la sua esistenza. Soprattutto è difficile stabilire se Reiki sia in effetti una disciplina originale, del tutto nuova ed indipendente da qualunque precedente esperienza, oppure se sia possibile tracciare una linea di discendenza e di sviluppo da tradizioni e pratiche già esistenti.

 

Il Giappone di fine Ottocento

La dimensione spirituale del Giappone all’epoca di Usui, ossia verso la seconda metà del XIX secolo, vedeva lo Shintoismo, noto in Giappone come “Kami No Michi” ossia “La Via degli Esseri di Luce” perfettamente integrato con il Buddismo: le divinità del pantheon scintoista si fondevano con le divinità buddiste, i Buddha e i Bodhisattva venivano idolatrati accanto ai Kami, ossia gli Esseri di Luce.

Sacerdoti itineranti, chiamati Yamabushi, ossia “Monaci delle Montagne”, amministravano il culto con rituali e pratiche che risultano una mescolanza di Shintoismo e Buddismo; essi ricercavano il “Kantoku”, lo “Stato di Illuminazione”, e per fare ciò si avvalevano di vari rituali di iniziazione, di pratiche sciamaniche, di danze e canti estatici. Erano soliti meditare sulla cima delle montagne sacre o presso le cascate e in quei luoghi erano soliti costruire templi per il culto.

  • In questo periodo nasce lo Shugendo (vedi nota in fondo al post), ossia letteralmente “La via della crescita psichica e spirituale”, che includeva pratiche strettamente ascetiche come il digiuno, la meditazione, l’uso di mantra e di mudra per raggiungere dimensioni estatiche.

A ciò si aggiunge nel tempo la pratica del Buddismo Tantrico Cinese, della Magia Cinese dello Yin e dello Yang, del Taoismo e infine del Buddismo Tibetano. È nota e comprovata inoltre la secolare esistenza in Giappone di numerose forme di guarigione attraverso l’imposizione delle mani: nella Medicina Tradizionale Giapponese (derivata dalla Medicina Tradizionale Cinese) sono ben note numerose posizioni di “Teate” (guarigione con il palmo delle mani) per canalizzare il Ki o Chi (energia vitale).

  • Nelle arti marziali il Teate viene praticato in varie scuole e Mikao Usui stesso sembra essersi lungamente dedicato alla disciplina del Jujutsu/Kenjutsu.

simbolo-reiki-anticoInoltre, fin dall’inizio dell’800 in Giappone vi fu una grande diffusione di un movimento noto come “Reijutsu”, di derivazione shintoista, avente come scopo il miglioramento della salute fisica e mentale. Possiamo quindi definire la dimensione spirituale giapponese come un insieme ben amalgamato di elementi derivati dalla religione autoctona dello Shintoismo insieme ad insegnamenti popolari tradizionali pre-buddisti uniti alle pratiche spirituali sciamaniche e di adorazione delle Montagne Sacre.

Certamente uno studioso come Usui, al contempo un ricercatore spirituale e un praticante di arti marziali, non poteva non conoscere a fondo le tradizioni religiose del proprio paese, del proprio popolo e della propria epoca. Sembra lecito desumere che Mikao Usui attraverso anni di studio e di esperienza abbia colto la profonda essenza spirituale del suo tempo e con un supremo atto Mistico/Sincretico ne abbia tratto il suo Metodo di Guarigione Spirituale che oggi conosciamo con il nome di Reiki.

 

Mikao Usui

Se fino a qualche anno fa esistevano solo vaghe informazioni sulla vita di Usui, al punto da far dubitare ad alcuni perfino della sua effettiva esistenza, recentemente sono emerse importanti prove documentali e testimonianze del suo passaggio terreno.

  • Le iscrizioni sul suo monumento funerario, il presunto ritrovamento di un personale Manuale di Appunti, il graduale superamento di comprensibili reticenze nei confronti degli occidentali da parte dei depositari orientali (più che centenari) dei suoi insegnamenti, hanno delineato una figura più nitida della vita e delle opere di Usui Sensei.

Noi oggi sappiamo che Mikao Usui nacque il 15 agosto 1865 nella provincia di Kyoto, in Giappone, nel villaggio di Tania-mura, oggi chiamato Miyamacho, nel distretto Yamagata, che oggi è la Prefettura di Gifu.

  • Nel 1869 iniziò i suoi studi presso la scuola di un Monastero di Buddismo Tendai: la famiglia di Usui era seguace del Buddismo Tendai e proveniva da una discendenza di Samurai (Hatamoto).

All’età di 12 anni cominciò a dedicarsi alle arti marziali raggiungendo alti livelli: era uno studente assai dotato e diligente. Viaggiò molto per studio e per lavoro, non ebbe fortuna in affari e cadde in disgrazia, ma seppe riprendersi e continuò il suo lavoro di crescita.

A 30 anni Usui Sensei sposò Sadako Suzuki da cui ebbe due figli, un maschio, Fuji (nato nel 1908) e una femmina, Toshiko, (nata nel 1913).

Nella tradizione ad ogni modo si narra che nel marzo 1922 Usui salì su una montagna, il Monte Kurama , e sulla cima di questa montagna, dopo un ritiro e un digiuno di 21 giorni, raggiunse il satori, uno stato di illuminazione: vide passare davanti ai suoi occhi delle sfere colorate, che immaginiamo essere i chakra.

  • All’interno di queste sfere vide dei simboli: il Primo Simbolo, il Secondo Simbolo, il Terzo Simbolo, il Quarto Simbolo, che sono i Simboli di Reiki. Usui comprese come utilizzare tutto questo quale strumento di crescita personale, evoluzione spirituale e autoguarigione.

Nell’aprile del 1922 anni aprì il suo primo Centro di Pratica e Insegnamento ad Harajuku, Aoyama, Tokyo. Il “motto” del suo centro era: “In Unione con il proprio Sé attraverso armonia ed equilibrio”. La sua fama crebbe rapidamente e molte persone lo raggiunsero per studiare con lui.

Nel 1923 Tokio fu distrutta da un terribile terremoto: migliaia di persone morirono, altre furono ferite, altre si ammalarono. Usui si adoperò per portare sollievo alle vittime con i suoi poteri di guarigione. Nel 1925, in seguito alla grande affluenza, Usui si spostò in un altro Centro, più grande, a Nakano, nella periferia di Tokyo.

  • Usui era una persona affettuosa, calorosa e umile nell’atteggiamento. Era forte di salute e fisicamente ben proporzionato. Non si dava mai arie e aveva sempre un sorriso per tutti. Si dimostrava assai coraggioso nell’affrontare i momenti difficili.

Amava leggere e scrivere, possedeva conoscenze in materia di medicina, psicologia, teologia, praticava l’arte della divinazione e conosceva le religioni del mondo. Nel corso della sua vita trasmise i suoi insegnamenti ad oltre duemila persone e iniziò 17 Maestri. Morì il 9 Marzo del 1926 all’età di 62 anni.

 

I successori

Dopo la morte di Mikao Usui, l’Usui Shiki Ryoho, ovvero il Sistema Usui di Guarigione Naturale, si sono succeduti  6 presidenti: il Signor Ushida, il Signor Taketomi, il Signor Watanabe, il Signor Wanami, la Signora Kimiko Koyama e l’attuale Presidente Signor Kondo.

Per quanto riguarda la diffusione di ReiKi in occidente, occorre risalire all’incontro di Usui con Chujiro Hayashi, Ufficiale di Marina in congedo, che avvenne, secondo la tradizione, in uno dei mercati in cui Usui vagava con una lanterna in mano alla ricerca di uomini interessati alla verità. Hayashi fu immediatamente affascinato dalla saggezza e profonda convinzione di Usui e decise di seguirlo e diventare a sua volta Maestro. Morì il 10 Maggio 1940.

  • Hawayo Takata conobbe Hayashi alle Hawaii nel Novembre del 1936 e qualche anno più tardi divenne Maestra. Fu proprio lei a portare Reiki nel mondo Occidentale quando si trasferì in California.
  • Era nata il 24 Dicembre 1900 e morì nel 1980, lasciando 22 Maestri di Reiki, molti dei quali americani: George Araki, Dorothy Baba, Ursula Baylow, Rick Bockner, Patricia Bowling, Barbara Brown, Fran Brown, Phyllis Furumoto, Beth Gray, John Gray, Iris Ishikuro, Harry Kuboi, Ethel Lombardi, Barbara McCullough, Mary McFayden, Paul Mitchell, Bethel Phaigh, Shinobu Saito, Virginia Samdahl, Wanja Twan, Barbara Weber Ray, Kay Yamashita.

Da questi Maestri ebbe origine il Reiki Occidentale che in meno di 20 anni dalla sua prima apparizione si è diffuso in tutto il mondo ed è attualmente praticato da milioni di persone.

Un Guest Post di Umberto Carmignani

Umberto Carmignani

Artista, Ricercatore Spirituale, Fondatore della Città della Luce. Puoi conoscerlo meglio visitando il suo profilo a questo link.

 

Logo-Città-dellla-Luce-NUOVOLa Città della Luce

Associazione Culturale e di Promozione Sociale, Comunità di vita, Centro Studi sulle discipline olistiche e bionaturali per il benessere della persona e della società, Scuola Olistica per la formazione di operatori e counselor, Laboratorio di Arte Sacra e Archetipica, Ecovillaggio e centro di sperimentazione in Permacultura.

Formato da Maestri di Reiki, Artisti, Professionisti del Benessere e della Relazione d’Aiuto la Città della Luce si pone come un Nuovo Modello di Società. Presente in diverse sedi in tutta Italia, opera per la diffusione e la conoscenza di discipline quali Reiki, Costellazioni Familiari, Astrologia Archetipica, Ayurveda, Yoga, Rolfing, Fiori di Bacch, Runologia, Psicologia Olistica, Universo Femminile, Healing Art, Arte Sacra, Permacultura, Agricoltura Sinergica.

Le sedi della Città della Luce sono:

  • a Trecastelli (AN), via Porcozzone 17
  • a Turbigo (MI), via Lonate 6
  • a Roma, via Pietro Sterbini 4 (zona Trastevere)
  • a Tivoli (RM), via Giulia Sabina 4

Per  maggiori informazioni visitate il sito www.lacittadellaluce.org o contattateci direttamente al numero 071.7959090, o via mail a info@lacittadellaluce.org

 

 

Nota:

Lo Shugendo si divideva in due rami principali: lo Onzan-ha, legato al Buddismo Tendai e il Tozan-ha, facente capo alla Scuola Shingon del Buddismo Esoterico dell’Ordine Mikkyo.

L’Ordine Mikkyo poi è una disciplina esoterica il cui nome significa “Insegnamento Segreto” in quanto si basa su una tradizione strettamente orale delle informazioni e su un processo di attivazione energetica, ossia una iniziazione da parte di un Maestro della Disciplina.

Gli insegnamenti del Buddismo Mikkyo derivano dalla tradizione esoterica dell’India e della Cina e furono portati in Giappone a partire dal VI secolo d.C. Furono poi i monaci Kukai (Fondatore dello Shingon) e Saicho (Fondatore del Buddismo Tendai) a ordinarne i concetti centrali.

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *