Lattobacilli: quali i probiotici?

Risultati immagini per yogurt e latte

Sono uguali per consistenza e sapore allo yogurt “tradizionale” e, quindi, ne hanno tutte le caratteristiche: apportano buone percentuali di calcio, fosforo, magnesio, zinco, vitamine del gruppo B e proteine tipiche del latte già parzialmente digerite.

  • Ma i probiotici contengono esclusivamente batteri, come il Lactobacillus casei, il lactobacillus acidophilus e il Bifidobacterium, che in molte formulazioni riescono a superare le barriere dell’apparato gastrointestinale e a colonizzare per un periodo abbastanza lungo la flora batterica dell’intestino.

«Per questo, se consumati con criterio almeno una volta al giorno, possono aiutare in caso di stitichezza, diarrea, flatulenza e, in una certa misura, a stimolare il sistema immunitario», dice Alessandro Pinto.

 

Fonte: tratto da un articolo di Claudia Bortolato su un vecchio numero di Benessere Alimentazione, con la consulenza di Alessandro Pinto, ricercatore in Scienze dell’Alimentazione dell’Università “La Sapienza” di Roma

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us