La leucemia si batte a Monza

Stanze singole e colorate. Un giardino d’inverno. Maestri di scuola e appartamenti per i genitori. Il nuovo polo brianzolo per bambini malati è un’eccellenza a livello europeo.

Si fa notare già da lontano, con quel blu che spicca tra il grigio dei blocchi ospedalieri e universitari, quando entri, poi, ti domandi dove sei capitato.

Un polo culturale all’avanguardia negli Stati Uniti?

L’atrio colorato di una scuola australiana?

  • No, è il nuovo centro Maria Letizia Verga per lo studio e la cura della leucemia del bambino, fresco di taglio di nastro, a Monza, in Brianza.

Nuovo perché in soli tredici mesi, grazie a un mix di privati, aziende e fondazioni, è stato realizzato un ospedale di quattro piani, funzionale e accogliente.

Day hospital, 25 stanze di degenza, il centro per i trapianti di midollo osseo, le aree per i bambini e le famiglie, quelle riservate a medici e infermieri e perfino un giardino d’inverno e un terrazzo piantumato.

Inedito è anche il connubio tra pubblico e privato: un ente privato, la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma, che gestisce il centro, su accordo con la Regione Lombardia, ma in piena autonomia.

  • Bambini e ragazzi sono accolti in stanze singole, colorate da disegni a tema: il bosco, la barriera corallina, la montagna con i suoi sciatori.
  • Poi, c’è l’area per gli adolescenti, qui separati dai piccoli, con wi-fi e privacy, poi, la presenza della scuola in ospedale, primaria e secondaria di primo grado, ma anche di docenti delle superiori per garantire la continuità di studio ai pazienti.

Non solo: è una novità la collocazione della ricerca insieme a quella dei reparti di cura e degenza: si guarisce di più dove si fa ricerca.

E qui guarisce oltre l’80% dei bambini: 1.800 quelli curati fino a oggi.

Sintesi dell’articolo di Daniela Condorelli – fonte L’Espresso, 12 novembre 2015

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us