Estate: è ora di controllare i nei!

Con la bella stagione il corpo si scopre ed è più facile fermare l’attenzione sulle anomalie della cute. Come fare a capire se sono pericolose?

Spesso si dice che i nei siano un carattere distintivo, talvolta addirittura un segno di fascino e bellezza. Nel Settecento le nobildonne francesi si truccavano aggiungendo un finto neo sulle guance o sul mento, come segno di seduzione.

Nell’immaginario collettivo, indimenticabile è il volto da duro impreziosito da un vistoso neo sullo zigomo dell’attore Robert de Niro nel film Taxi Driver, per non parlare poi della graziosa piccola protuberanza sulla guancia della splendida Marilyn Monroe, icona immortale di bellezza femminile…

Quando si parla di nei, si entra nel mondo molto variegato di lesioni della pelle, che possono avere una valenza certamente estetica ma anche, e soprattutto, un’importante rilevanza clinica.

Non è un caso che, inconsciamente, quando si vede spuntare sul corpo una nuova piccola macchia, c’è sempre una certa apprensione, in quanto come sappiamo bene non tutte le macchie, nei e lesioni della pelle sono della stessa natura e alcune di esse, seppur raramente, possono trasformarsi e assumere caratteri di malignità.

  • Tra questi ci sono gli epiteliomi, che sono i tumori più frequenti tipici dell’età più avanzata, e i più temibili melanomi.

 

Fonte: tratto da un bel servizio di Lilia Gentili, su Più Sani Più Belli, giugno 2018 – con la consulenza del dottor Francesco Madonna Terracina, Specialista in Chirurgia estetica a Roma




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *