Difficoltà digestive? Prova con dell’acqua calda con camomilla o scorza di limone!

Quando insorgono difficoltà digestive, per un pasto abbondante o semplicemente perché senza motivo si ha un peso sullo stomaco, si può ricorrere all’aiuto di qualche bicchiere di acqua molto calda: giunge nello stomaco e risolve i blocchi digestivi, mettendo in moto i processi della digestione e favorendo l’espulsione dei gas presenti, che hanno un effetto dilatante sulle sue pareti.

  • L’acqua calda, in caso di cattiva digestione, si sposa bene con alcune sostanze naturali. La scelta è ampia: dal decotto di foglie di alloro, da filtrare e bere caldissimo, agli infusi con la salvia, l’angelica o la santoreggia.
  • Sono d’aiuto anche le spezie, dal pepe nero alla curcuma. Sono tante le varianti, a partire da una tazza di camomilla o di “canarino”, cioè l’acqua fatta bollire per cinque minuti con la parte gialla della scorza di limone.

Anche lo yoga può facilitare la digestione.

Questo in virtù della definizione stessa della filosofia su cui si basa: nella varietà dinamica il movimento, attraverso le posizioni, purifica il corpo; mentre il controllo del respiro, tramite la concentrazione, calma i sensi preparando alla meditazione ed eventualmente alla contemplazione.

  • Esistono non una, ma diverse posizioni che stimolano la parte del corpo coinvolta nel processo digestivo. Tra le più conosciute quelle del “guerriero” che, rafforzando la regione pelvica, favoriscono l’eliminazione del gonfiore intestinale

 

Fonte: estratto da un servizio di Paola Occhipinti su Più Sani Più Belli, marzo 2017 – con la consulenza della dott.ssa Maria Cristina Campanini, specializzata in gastroenterologia ed endoscopia digestiva




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *