Diagnostica: una pillola al posto dell’holter!

Una pillola sostituirà l’holter?

Il sistema di monitoraggio della frequenza cardiaca, che si ottiene con la scomoda applicazione di sensori per registrare l’attività elettrica del muscolo cardiaco, in futuro potrebbe essere sostituito da una pillola contenente un piccolo microfono.

  • Un recente studio pubblicato dalla rivista Plos One, realizzato dai ricercatori del Mit, della Harvard Medical School e del Massachusetts General Hospital di Boston, ne spiega il funzionamento: una volta ingerita, il microfono invia il segnale a un sensore esterno, al fine di essere elaborato da un software.

Gli scienziati hanno infatti scoperto che attraverso la caratterizzazione delle onde acustiche generate dal corpo, registrate mentre la pillola transita attraverso il tratto gastrointestinale, si può misurare sia la frequenza cardiaca sia quella respiratoria, con buona precisione.

Se i risultati preliminari verranno confermati da altri approfonditi studi, in futuro grazie a questo sistema disturbi come le aritmie o i problemi respiratori potranno essere diagnosticati con maggiore facilità.

 

Fonte: Ok Salute e Benessere, febbraio 2016




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *