3 cose che non sai sui problemi respiratori!

 

Asma e BPCO sono fastidiosi disturbi che causano tosse e respiro affannoso. Ecco alcune novità su queste patologie…

Qualche colpo di tosse è normale in inverno. Ma per chi soffre di malattie respiratorie croniche, come l’asma e la bronco pneumopatia ostruttiva (BPCO), tosse persistente e catarro sono una spiacevole e costante compagna. Ecco tre novità su questi disturbi.

Un nuovo trattamento

Per la cura di questi disturbi oggi c’è un nuovo, efficacissimo, inalatore multidose. Contiene una combinazione di budesonide, un antinfiammatorio delle vie respiratorie, e formoterolo fumarato diidrato, un farmaco che rilassa la muscolatura dei bronchi, permettendo un miglior passaggio di aria. Questo erogatore permette ai farmaci di agire in pochissimi minuti.

Una ginnastica per la BPCO

Questa malattia, che affligge circa tre milioni d’italiani, è dovuta a un’abnorme risposta infiammatoria di bronchi e polmoni all’inalazione di particelle e gas nocivi presenti soprattutto nel fumo di sigaretta. L’infiammazione provoca un’ostruzione delle vie aeree, che impedisce all’aria di circolare normalmente nei polmoni.

  • Per migliorare la situazione, è utile la nuova “riabilitazione polmonare”, da fare in ospedale sotto la guida di fisioterapisti: si tratta di semplici esercizi su cyclette e tapis-roulant che allenano i muscoli respiratori.

L’asma dipende anche dagli ormoni

Fiato corto, respiro sibilante e oppressione al petto sono i sintomi dell’asma, un disturbo che, secondo un recente rapporto dell’Agenzia del farmaco, colpisce di più le donne, perché risente delle oscillazioni ormonali. Può acuirsi nei giorni prima del ciclo. Mentre, in menopausa, il trattamento sostitutivo con estrogeni può aumentare il rischio di ammalarsi.

 

Fonte: un articolo di Silvia Pigorini con la consulenza di G. Walter Canonica, direttore della Clinica malattie dell’apparato respiratorio e allergologia dell’Università di Genova – tratto da Confidenze, 17/11/15




Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *