Tendenze moda capelli: il ritorno della cotonatura!


Con grande sorpresa, si rivedono i raccolti bombati, le teste importanti, capelli esageratamente cotonati…

Avete presente le acconciature bombate viste in alcune foto di famiglia o nei ritratti di personaggi famosi di un po’ di anni fa? Ricordi di un tempo lontano? Adesso è diventato quanto mai attuale. Tornano alla ribalta, infatti, i capelli cotonati, le acconciature maxi, i volumi esagerati ispirati agli anni ’60, ’70 e ’80.

Nelle principali passerelle parigine per l’autunno-inverno, infatti, hanno spopolato le acconciature ispirate a quegli anni, arricchite da sapienti cotonature. Non c’è dubbio che l’orientamento è sui volumi importanti, anche raccolti, con banane e torchon, che ricordano un po’ le chiome di icone di stile come Audrey Hepburn o Brigitte Bardot.

Con l’aiuto del nostro esperto hair stylist Roberto Carminati, vi presentiamo due proposte: un raccolto molto chic e un’altra che ricorda gli anni Sessanta con capelli sciolti e cerchietto, e alcuni consigli su come realizzare anche da sole a casa una perfetta cotonatura.

  • “La moda quest’anno non lascia dubbi — dice Carminati — lo stile cotonato, un po’ retrò, anche raccolto, è molto glam, sia con i capelli lunghi, sia con quelli corti. Sono tante le acconciature che potete scegliere. Certo, con i capelli lunghi potete sbizzarrirvi di più… Le nuove tendenze spaziano dal raccolto bombato o semibombato, che sia lo chignon a banana, anche maxi verticale molto esagerato ma anche più sobrio a torchon. Purché i volumi siano importanti”.

Insomma le acconciature che hanno segnato un’epoca come, per esempio, quelle degli anni Sessanta, teste che comunque regalano qualche centimetro in più, tornano a essere il punto di riferimento degli hairstylist.

 

Fonte: estratto da un bel servizio di Lilia Gentili su Più Sani Più Belli, ottobre 2018, con la consulenza di Roberto Carminati, per Kemon, hair stylist delle dive, autore del libro “Biondo Platino”




Be Sociable, Share!

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *