Spuntino senza troppe calorie? Risponde il nutrizionista Massimiliano Matteoni…

Risultati immagini per uva nera

Lo spuntino ha proprio lo scopo di tenere sotto controllo la fame, così da poter arrivare senza problemi al pasto successivo. Deve avere un contento calorico ridotto, intorno alle 150-200 kcal, altrimenti si trasforma in un pasto aggiuntivo, quindi frutta o uno yogurt oppure un pacchetto di crackers.

Ma ci siamo talmente abituati a ragionare solo in termini calorici, da dimenticarci che ingeriamo molecole e non calorie. A seconda di quello che mangiamo, anche a parità di calorie, si generano a livello intestinale dei segnali biologici ai quali i nostri centri della sazietà, nel cervello, rispondono modulando la sensazione di fame nelle ore successive.

Un frutto, ad esempio, è una scelta migliore rispetto ai crackers perché è in grado di generare una sazietà immediata, ma non duratura per l’assenza di proteine.

A mio avviso, lo spuntino migliore è rappresentato da un frutto accompagnato da 20 grammi di noci o di mandorle.

Nel caso di frutta piccola – ciliegie, susine o uva – è sufficiente pesarne circa 150-200 grammi. I carboidrati a basso indice glicemico della frutta insieme alle proteine e ai grassi (buoni) della frutta secca forniscono un potente stimolo di sazietà, con un contenuto calorico limitato.

 

Fonte: un articolo di Massimiliano Matteoni, biologo nutrizionista – tratto da Nuovo Consumo, ottobre 2018

Igmis Mandorle Intero Crudo – 900g – Direttamente Dalla Fattoria
€19,98
Acquistale su Amazon.it

Be Sociable, Share!

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *