Rafting: l’emozione di un’avventura sul fiume!

Si tratta di uno sport piuttosto recente, ma soprattutto che in Italia nasce ufficialmente nel dicembre 1987 grazie alla volontà di un gruppo di appassionati che, al fine di praticare, promuovere e diffondere questa attività, fonda a Milano l’Associazione Italiana Rafting (Airaf).

  • Rafting deriva dal verbo inglese “to raft”, ossia “navigare su una zattera“: gli appassionati sportivi si cimentano infatti nella discesa di rapide tumultuose e di torrenti a bordo di un canotto.

Contrariamente alle apparenze, la discesa ed il superamento di impervi corsi d’acqua non rappresentano uno sport particolarmente pericoloso, se si è a conoscenza di particolari tecniche per affrontare ostacoli e difficoltà.

  • L’idea di risalire e attraversare torrenti, fiumi e rapide con “imbarcazioni pneumatiche” (in passato otri di pelle gonfiate con aria, oggi gommoni con chiglie pneumatiche costruiti con materiali resistenti all’usura e agli impatti) affonda le sue radici, non per finalità sportive ma per necessità, all’epoca degli antichi Babilonesi.

Negli Stati Uniti questa disciplina trae origine dall’antica tradizione di indiani ed esploratori che guadavano corsi d’acqua poco ospitali a bordo di avventurose canoe di legno e ricoperte di pelle, fino a trasformarsi nello sport (approdato in Europa negli anni ’80) che oggi attrae sempre più appassionati del brivido e della “sfida con la natura”.

Il raft: un mezzo semplice e alla portata di tutti per vivere un’esperienza fluviale indimenticabile. È sufficiente saper nuotare ed aver voglia di condividere in gruppo sensazioni uniche e coinvolgenti.

Fonte: un articolo di Raniero Pagano, su Acqua e Sapone, 4/04/16

La redazione di Bellezza & Benessere consiglia: Outdoor skin – Coffret 5 DVD (su Amazon)



Be Sociable, Share!

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *