Nutrition Foundation: sei in gravidanza? Assumere regolarmente frutta oleaginosa, migliora le performance cognitive del tuo bambino!

Fonte immagine: https://dilei.it/mamma/frutta-secca-gravidanza-rende-bimbi-piu-intelligenti/602705/

 

L’assunzione quotidiana di frutta oleaginosa, secondo le quantità raccomandate dalle linee guida (almeno 25 e fino a 30 g al giorno) è un’abitudine associata al miglioramento del profilo metabolico a tutte le età, con ripercussioni positive per la salute a lungo termine.

Già nel 2016, l’analisi del gruppo Global Burden of Diseases (GBD) aveva sottolineato che, in tutto il mondo, lo scarso apporto di frutta secca e semi risultava la prima causa alimentare di anni trascorsi con una disabilità. Inoltre, è già stato dimostrato che il consumo regolare di frutta a guscio contribuisce alla difesa delle funzioni cognitive durante l’invecchiamento, suggerendo l’opportunità di un approfondimento delle potenzialità neuroprotettrici di questi alimenti che apportano proteine vegetali, vitamine (tra cui l’acido folico), minerali e grassi mono- e polinsaturi.

La ricerca attuale, condotta su una popolazione di future madri residenti in 4 regioni della Spagna, mostra ora un’ulteriore associazione positiva:

  • infatti, il consumo di 3-7 porzioni di frutta oleaginosa alla settimana, nel primo trimestre di gravidanza, sarebbe in grado di influire positivamente sulla cognitività del nascituro, almeno fino agli 8 anni di età.

In questa ricerca, intesa a verificare quanto l’assunzione regolare di frutta a guscio fosse in grado di influire positivamente anche sulle fasi iniziali dello sviluppo cerebrale fetale, 2.208 future madri sono state suddivise in tre gruppi, in base ai livelli di consumo di frutta oleaginosa.

I ricercatori hanno poi esaminato i bambini a intervalli regolari dalla nascita e fino al compimento dell’ottavo anno, per valutarne le capacità neuropsicologiche e cognitive, con test mirati.

I risultati hanno dimostrato l’associazione tra il maggior consumo di adeguate quantità di frutta a guscio (noci, mandorle, nocciole, pinoli, arachidi) da parte della futura madre, nel corso del primo trimestre di gravidanza, e punteggi più elevati raggiunti dai bambini nei diversi test a tutte le età.

Va detto che il maggior consumo di frutta a guscio è stato dichiarato dalle madri con una migliore espressione verbale e un più elevato livello educazionale, che non avevano fumato né assunto alcol in gravidanza, che aderivano di più al modello di alimentazione mediterranea e che avevano allattato più a lungo il neonato al seno: ma tutti questi aspetti sono stati considerati (ed “aggiustati”) nel modello statistico multivariato utilizzato.

Un più elevato consumo di frutta oleaginosa era associato d’altra parte a una maggiore concentrazione di acidi grassi polinsaturi, e soprattutto di DHA, nel sangue del cordone ombelicale.

  • Ultima considerazione, ma non per importanza: l’apporto di frutta a guscio, pur adeguato, non ottiene gli stessi risultati se seguito soltanto negli ultimi tre mesi di gravidanza.

 

Una ricerca di: Gignac F, Romaguera D, Fernández-Barrés S, Phillipat C, Garcia Esteban R, López-Vicente M, Vioque J, Fernández-Somoano A, Tardón A, Iñiguez C, Lopez-Espinosa MJ, García de la Hera M, Amiano P, Ibarluzea J, Guxens M, Sunyer J, Julvez J. (20 giugno 2019).

 

Fonte: Nutrition Foundation of Italy. A questo link, trovi l’originale ed anche la versione in inglese.

 

 

Misto di Frutta Secca Sgusciata Bio
La frutta secca oleosa è ottima all’inizio della giornata per una scorta di energia.
€17,54
Acquistalo ora da questo link

 

 

Be Sociable, Share!

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *