Il sole, perfetto per la vitamina D

Risultati immagini per sole e vitamina dFermo restando che, l’esposizione prolungata in alcuni casi è insidiosa, non bisogna dimenticarsi che il contatto diretto della pelle con i raggi solari è praticamente l’unico modo che ha il nostro organismo di sintetizzare la vitamina D.

Infatti, solo un 10% di quella che sintetizziamo è data dalla dieta: il restante 90% ci deriva dall’esposizione diretta ai raggi solari.

Il metabolismo della vitamina D prevede che l’assunzione dei precursori della vitamina D, passi attraverso due vie principali che sono i cibi e i raggi solari diretti.

Questi precursori passano nel circolo ematico e nell’intestino e devono, poi, attraversare il fegato e il rene per essere attivati e divenire vitamina D, che può così svolgere le sue funzioni.

Una delle principali è quella di regolare i valori nel sangue di calcio e fosfati per mantenere nella norma le principali funzioni cellulari e promuovere una corretta mineralizzazione delle ossa.

  • La vitamina D, però, è importante anche per ridurre o prevenire molte patologie, dall’ipertensione alle patologie cardiovascolari, alle sindromi mialgiche (reumatismi), alle artriti, le psicopatologie quali depressione e schizofrenia, le infezioni (soprattutto respiratorie) e la tbc, l’asma e le dermatiti atopiche, le sindrome metaboliche, il diabete e le malattie autoimmuni come la sclerosi multipla, fino ad essere importante per la riduzione di rischio di alcune neoplasie, quali quella del seno, del colon, della prostata e dell’ovaio, può anche aiutare a rinforzare i muscoli riducendo la percentuale di cadute e, ovviamente, previene l’osteomalacia e l’osteoporosi.

Per questi innumerevoli motivi, la vitamina D è una vitamina molto preziosa.

Come possiamo garantircene la giusta dose? E quant’è la dose consigliata?

  • Carenza ed eccesso di vitamina D. Le cause della carenza possono essere malassorbimento, accentuate perdite e scarsa attivazione. Il metabolismo della vitamina D coinvolge dall’intestino, al fegato, fino al rene. Se questi organi non hanno piena funzionalità, si può incorrere in una carenza della vitamina D, dovuta ad un malassorbimento.Patologie renali, epatiche o legate a un malfunzionamento dell’intestino, come celiachia o morbo di Chron o una fibrosi cistica, ne accentuano un malassorbimento.
  • La quantità consigliata dai Larn è di 0-15 µg/die per gli adulti (e 0 è relativo alle persone che hanno un’adeguata esposizione solare e non hanno particolari patologie che ne impediscono l’assorbimento o la sintesi) e per gli anziani, le donne in gravidanza e i bambini è di 10 µg/die.
  • La perdita, invece, è dovuta all’azione di alcuni farmaci quali, gli antiepilettici, i glucocorticoidi, gli antirigetto, i retrovirali, la rifampicina (o rifadin un antibiotico) e l’iperico perforato.
  • E una scarsa attivazione si può avere sia per un’eccessiva obesità che può creare una sorta di ‘intrappolamento’ della vitamina D nella massa adiposa, impedendo così il normale iter all’interno del nostro organismo; ma soprattutto una limitata esposizione ai raggi solari diretti.

Si ricorda, infatti, che il 90% della vitamina D viene sintetizzata, la prolungata esposizione ai raggi solari non determina una sindrome da eccesso che può verificarsi solo per un errore nell’integrazione protratto per settimane.

Alimenti contenenti vitamina D: latte, burro, yogurt, formaggi, funghi shiitake freschi, funghi shiitake secchi, tuorlo d’uovo, gamberetti, fegato di marzo, tonno, sardine, salmone, sgombro in scatola, salmone rosa con lisca in scatola, salmone e sgombro cotto, sgombro dell’Atlantico (crudo), aringa dell’Atlantico (cruda), aringa affumicata, aringa sott’aceto, merluzzo, olio di fegato di merluzzo.

Fonte: VerdEtà, maggio/giugno 2016

A questo link, puoi trovare altri post sull’argomento della vitamina D

 

La redazione di Bellezza & Benessere consiglia il libro: Il Sole che Guarisce. Le incredibili proprietà terapeutiche della vitamina D

Be Sociable, Share!

Bellezza & Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *